La cara vecchia signora Smith

“Quante volte devo dirti di non toccare niente!”
Per l’ennesima volta la madre di Bill lo stava sgridando per qualcosa di inutile. Aveva solo 4 anni, era normale essere curiosi alla sua età, ma sua madre sembrava non capirlo. “Sei davvero un bambino dispettoso sai? Questa volta non ti sei meritato il gelato!”                                                  Come tutti si aspettavano il bambino cominciò a singhiozzare, i suoi occhi si riempirono di lacrime e scoppiò in un pianto isterico e fastidioso, tipico dei bambini di quell’età.                            Stranamente la madre sembrava non curarsene, e lo lasciava piangere senza degnarlo di uno sguardo. “MAMMA GELATO! TI PREGO!” Continuava a urlare il bambino tant’è che tutti, all’interno del “Ricky’s hairstyle” si voltarono e concentrarono l’attenzione su quella coppia madre-figlio. “NO! BASTA BILL! LASCIAMI IN PACE!”                                                                          “Che strano comportamento da tenere con un bambino così piccolo” pensò la signora Smith “Crescerà male e finirà per riprodurre gli atteggiamenti e i modi che la madre adopera con lui.” Improvvisamente Bill, agitato com’era, colpì una confezione di crema antirughe semivuota, la quale cadde e si ruppe. Successivamente vi fu il silenzio… Bill sapeva cosa gli aspettava e cercò di indietreggiare impaurito, ma la madre con un gesto rapido lo colpì con uno schiaffo sulla guancia sinistra. “PERCHE’ DIO MI HA PUNITO CON UN DISASTRO DI FIGLIO COME TE!” Questo era veramente troppo per un bambino e la signora Smith lo sapeva. Lei che aveva avuto ben quattro figli a cui badare, due maschi e due femmine, e che ora era la nonna di ben 6 nipotini non ne poteva più. Chiese gentilmente alla parrucchiera di interrompere il suo lavoro e di aiutarla ad alzarsi. La parrucchiera ritenne che la signora avesse i suoi motivi per farle questa strana richiesta e l’aiutò. La sala era piccola ma molto illuminata, a gestirla vi erano solo due parrucchiere (perché Ricky era in vacanza), il ché rendeva impossibile non accorgersi di ciò che accadeva là dentro. Tutti vedevano tutto, grazie alla presenza di numerosi specchi, e tutti sentivano tutto. La signora Smith procedeva a passò lento e pesante verso la madre di Bill. Appena la raggiunse si rese conto che quella giovane madre avrà avuto al massimo 22/23 anni e che era molto stressata e nervosa. La signora Smith decise allora di rivolgersi a quella ragazza con un gran sorriso e le disse: “Cara, hai bisogno di aiuto? Ti vedo in difficoltà con il piccolino.” Mentre lo diceva si voltò e guardò Bill, il quale si era nascosto dietro il poggia ombrelli. Aveva smesso di piangere ma aveva stampato sul suo piccolo faccino l’impronta della mano della madre, che stava prendendo contorni violacei. La donna abbassò lo sguardo pieno di vergogna allorché la signora Smith continuò: “Io ho 6 nipotini, il più piccolo ha circa l’età di tuo figlio… Se desideri puoi passare a prendere il tè da me domattina… Che ne dici?”                                               La madre di Bill non sapeva cosa dire… si era resa conto di aver esagerato ma era stressata per svariati motivi… si rese conto di aver bisogno di sfogarsi e che lo stava facendo sul suo povero pargolo… “Buongiorno signora, accetto volentieri il suo invito… Mi chiamo Adrienne… Piacere di conoscerla signora?”                                                                                                                                         “Smith” disse lei “Margaret Smith.” Subito dopo si scambiarono i numeri di telefono e la signora Smith comunicò alla sua nuova amica il suo indirizzo di casa. “Fantastico Adrienne, non vedo l’ora di vederla domani, e non si dimentichi il piccolo Bill!”                                                             “Stia tranquilla me ne ricorderò!”                                                                                                            Bill, uscì dal suo nascondiglio, la madre lo prese e gli chiese scusa stringendolo far le sue braccia. “Arrivederci a domani, ciao Bill!” disse la signora Smith uscendo dal negozio.                                     Non finì di acconciarsi i capelli e non pagò la parrucchiera, ma infondo a 84 anni si poteva essere un’po sbadati.

 

                                                                                                                                                                       F.M.

 

Rispondi