Il vasaio

Mani sapienti lavorano questa argilla porosa,

con un tocco finale di grande effetto.

Mentre togli il materiale in sovrappiù,

io ti cingo la vita da dietro e affondo i miei denti nelle tue carni.

Ora il vaso è quasi pronto per essere messo in forno,

e si sente il crepitio del fuoco nella bocca.

Sto ancora dietro di te e ti bacio voluttuosamente sul collo.

Non c’è tempo, non c’è luogo, la nostra sincronia è perfetta.

Ora accendo una candela, si sta facendo buio.

Alla luce della fiamma il tuo volto appare radioso,

nonostante la penombra creata dalle candele.

Mi avvicino a te e ti bacio.

Il vaso dovrebbe essere oramai pronto,

così che tirandolo fuori se ne possano ammirare

il tocco e la raffinatezza che le tue sapienti mani

vi hanno lasciato sopra.

Il cielo è splendido questa sera,

la poca luce delle candele

si smorza con la luce che proviene dall’esterno.

Ho ancora una gran voglia di te.

 

Rispondi